LA STORIA E

L'EVOLUZIONE

SCIENTIFICA

NEGLI STUDI

DEL CONTROLLO

DI GESTIONE

1400

 

Metodi Basati sul controllo di Cassa

 

Controllo empirico del solo saldo cassa.

Gli imprenditori controllavano l'azienda ponendo attenzione al solo saldo di cassa.

 

PRO: Immediatezza del controllo.

 

CONTRO: Assenza di forme di pianificazione e

programmazione. Incapacità di analizzare

il reddito prodotto.

 

 

Fra Luca Pacioli nel 1494

1900

 

Metodi Basati sul Bilancio

 

Iniziano gli studi di economia aziendale sul bilancio di esercizio.

 

PRO: Controllo a consuntivo dell'equilibrio finanziario ed economico.

 

CONTRO: Incapacità di anticipare eventuali squilibri economici e finanziari. Nessuna possibilità di determinare gli obiettivi. Bilanci spesso non rappresentativi della reale situazione economico patrimoniale per colpa delle valutazioni soggettive di rimanenze, accantonamenti a fondi rischi e ammortamenti.

 

Besta F. (1845-1922, Ca’ Foscari), Ghidiglia C., D’Alvise P., Rigobon P., Ponzanelli G., Della Penna F. (Roma), Chianale A. (Trieste, Torino),De Dominicis U. (Bologna, Trieste, Genova), Zappa G.(1879-1960 Bocconi e Ca’Foscari),Onida F.(Cattolica, Torino,Roma), Amaduzzi A.(Pisa), D’Ippolito T. (Palermo), Paganano, Dell’Amore G. e Pivato G. (Bocconi), Caprara U. (Torino), Zerbi T. (Cattolica), Masini C. (Bocconi), Rossi N., Cudini G., Azzini L., Guatri L., Lo Russo E., BianchiT.,Cattaneo M., CodaV., Saraceno P. (Cat-tolica e Ca’ Foscari),Pivato G. (Bocconi), Caprara U. (Torino), ...............

1925

 

Analisi per indici

 

Il bilancio viene riclassificato per determinare delle grandezze che poi vengono messe in relazione tra di loro. Le relazioni risultanti possono poi essere confrontate sia a livello temporale che anche fra azienda ed azienda.

 

PRO: Grande semplicità, permettono la comparazione fra aziende diverse, idonei a MISURARE lo stato di salute e gli equilibri finanziari ed economici dell'azienda.

 

CONTRO: Incapacità di anticipare eventuali squilibri economici e finanziari. Non concedono nessuna possibilità di determinare degli obiettivi perchè si basano su dati storici incapaci didare informazioni sul futuro.

I dati provengono tutti dai bilanci che spesso non sono rappresentativi della reale situazione economico

patrimoniale per colpa delle valutazioni soggettive di rimanenze,

accantonamenti a fondi rischi e ammortamenti.

 

Dupont Corporation

Donaldson Brown

1936

 

Analisi dei costi

 

La scuola di Harward guidata dal

Professor Anthony inizia gli studi sulla  contabilità dei costi  utilizzando: contabilità analitica,

contabilità preventiva, budget, analisi degli scostamenti, break even point, zero base budget etc.

 

PRO: Permetto lo studio dell'esatto comportamento dei componenti reddituali dell'azienda e consente

una accurata ed efficacissima analisi di ciò che è successo.

 

CONTRO: Basati su fatti già accaduti e si può constatare solo ciò che è successo senza la possibilità

di intervenire sul futuro per determinare gli obiettivi invece di subirli.

 

La scuola di Harward

Anthony R.,

Dearden J.,

Vancil R.F.

1950

 

Modelli di rating

 

Si diffondono le società di analisi finanziaria.

 

PRO: Sintetizza in un numero la solidità complessiva dell'azienda.

 

CONTRO: Incapacità di anticipare eventuali squilibri economici e finanziari

futuri. Basati per lo più su Bilanci che spesso non sono rappresentativi

della reale situazione aziendale per colpa delle valutazioni

soggettive di rimanenze, accantonamenti a fondi rischi e ammortamenti.

 

 

 

Standard & Poor

1960

 

Modello Altman

 

Edward I. Altman (1941) è un economista statunitense.

È professore di finanza alla Stern School of Business di New York e direttore della Research in Credit and Debt Markets del Centro Salomon di New York per gli studi sulle istituzioni finanziarie. Massimo esperto mondiale del rischio di credito è noto per l'elaborazione della formula dello Z-Score, pubblicata nel 1968, riguardante le probabilità di fallimento per le aziende quotate in borsa.

 

PRO: Sintetizza in un numero la solidità complessiva dell'azienda

prevedendo le possibilità di fallimento.

 

CONTRO:  Basati per lo più su Bilanci che spesso non sono rappresentativi della reale situazione aziendale per colpa delle valutazioni soggettive di rimanenze, accantonamenti a fondi rischi e ammortamenti.

 

 

 

Edward I. Altman (1941)

1992

 

Balanced Scorecard

 

Non si controllano più i numeri ma le azioni che determinano

il risultato permettendo di  CONSEGUIRE IL RISULTATO E

NON SUBIRLO.

 

PRO: Si riesce a cambiare in corsa il destino di un'azienda

permettendo il raggiungimento di obiettivi prefissati.

L'obiettivo è una conseguenza e non un DATO da subire.

 

CONTRO: Necessità di un sistema informativo

evoluto ed in alcuni casi costoso.

 

 

 

Kaplan e Norton Harward University

2009

 

Cruscotto di Controllo

Simone Brancozzi

 

Semplice economico ed efficace

 

Il Cruscotto di controllo aziendale

è una web application ideata dal

Prof. Simone Brancozzi nel 2007.

Esso rappresenta la sintesi di tutti gli

aspetti positivi di ogni tecnica di controllo

di gestione introdotta in più di cento anni dagli studiosi del controllo di gestione.

In esso sono sintetizzati: il controllo di cassa, il controllo sul bilancio di esercizio,

il controllo con l'analisi per indici,

il controllo con l'analisi dei costi (Break-even,Budgeting, Zero Base Budget etc.),

il controllo effettuato con i modelli di rating, il controllo basato sullo Zeta Score di Altman ed infine il controllo effettuato con la Balanced Scorecard di Kaplan e Norton.

 

 

Simone Brancozzi